Crea sito

Maira in the TARDIS: Recensione Doctor Who 9×01-02

Siamo di nuovo qui, con il nostro show preferito, il Doctah è TORNATO.
Devo dire che questa premiere mi ha eccitata molto, quasi quanto la prima volta che ho comprato un TARDIS da WhoShop. *ilmiotesssssoro*

La storia inizia con una guerra, una guerra senza tempo e un bambino, un bambino perso sul campo da battaglia. Queste inquietanti mani con un occhio sul palmo fuoriescono dal terreno, ma il dottore è lì pronto a salvarlo.

*ohfuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuck*

Lo avrei liberamente lasciato lì a soffrire un poco. Ma il nome è DAVROS, il creatore dei Dalek, colui che ha affrontato più volte il dottore, il suo più grande nemico ma Missy non è d’accordo.
La prima puntata è stata molto lenta e noiosa a mio parere, settimana scorsa già ero avvilita e pronta ad un’altra copia della stagione 8, ma poi i Dalek mi uccidono Clara e penso “allora qualcosa sta cambiando”.

SCHERZO. Questa seconda puntata però, mi ha fatto tornare l’amore per questo show, finalmente, ci siamo!

  • Why Moffat is amazing

Potete dire tutto di Moffat, e ne ho dette parecchie, ma è uno scrittore brillante, ha saputo prendere una storia di un episodio di 40 anni fa e ci ha creato un twist così crudele e terribile sopra. La compassione come punto debole del dottore, il confronto ancora una volta deludente tra lui e Davros, l’utopia di quest’ultimo su una razza di ibridi metà signori del tempo metà dalek. Qui mi è subito venuta in mente River Song.
Può essere considerata River come un’ibrida? Metà signore del tempo, metà umana? Sarebbe una storia interessante da approfondire.

Ma ciò che ho amato di più sono stati i parallelismi.

  • Parallels

Clara a causa di Missy entra all’interno di un Dalek, e seppur la cosa mi ha spaventata come non mai, è stato un momento di alti feels.

Ho avuto i brividi, ed è subito stata 7.01 “Asylum of the Daleks”, il primo episodio dove incontriamo Clara per la prima volta con gli occhi di Matt Smith. La ragazza soufflè, la ragazza dentro al dalek


 Asylum of the Daleks S07E01 vs. The Witch’s Familiar S09E02

“I’m not a dalek.
I’m human.”

In quell’episodio mi innamorai di Clara, sveglia, divertente, astuta e intrappolata. Credo che poiché questa sia l’ultima stagione di Clara, Moffat ci propinerà altri parallelismi sdolcinati e strappalacrime per soffrire e io spero di riavere lo speciale di Natale dell’800 con Clara, uno dei miei preferiti.

  • Hei Missy hei Missy

Chi mi conosce sa che ho avuto una reazione a dir poco disgustata quando ho saputo che il Master era diventato Missy. Io ero completamente innamorata del master di John Simm, quindi qualunque altro attore venisse dopo, per me abolito.
Ma Michelle Gomez è riuscita ad interpretare questo personaggio in modo così esilarante, lei è pazza. E’ completamente fuori di testa, e io la amo.

Posso solo immaginare lei e River Song nella stessa stanza, curiose e competitive per le attenzioni da parte del Dottore, “Hei Missy ed Hello Sweetie” sarebbe alta televisione.

  • Il Dottore e Clara

La scorsa stagione questi due non avevano benché la minima chimica, quest’anno sono esplosi in una dolcezza unica, mi stanno piacendo molto insieme. Ho sempre pensato che per Capaldi ci volesse una donna come River o Donna Noble al suo fianco, però questi piccoli momenti tra i due mi hanno emozionata.

E poi Capaldi è un bimbo che si sta divertendo un mondo in Doctor Who.

Sto ancora ridendo per l’unica altra sedia su Skaro e quando Davros gli ha detto  “you’re not a good doctor” Capaldi poteva prenderla sul personale, dopo tutte le questioni dello scorso anno sulla sua età. Lasciatemi in pace Capaldi, non sarà il mio Tennant o il mio Smith ma è pur sempre un bravissimo Doctor.

Ma parliamo dell’elefante nella stanza.

  • DOCTOR SONIC SUNGLASSES

IL DOTTORE SENZA IL SUO SCREWDRIVER? E’ come Sam e Dean senza la loro Impala. Sherlock senza 221B Baker Street. O come se il TARDIS non fosse più una cabina telefonica. Ma Moffat ama i cambiamenti, quindi adesso basta avere degli occhiali della Ray Ban e puoi dire ai tuoi amici che possiedi uno screwdriver.
Prendi questa, Whoshop, non ho più bisogno dei tuoi bellissimi cacciaviti sonici da collezione, da oggi comprerò questo:

 

 

 

-Quindi ciò che ho imparato oggi è che i rayban sono da badass.
-Che i Dalek sono delle creature estremamente emotive, che vanno in giro cercando di dirci che ci amano e invece riescono solo a dire “EXTERMINATE”.

-Ma la cosa più grande che mi ha toccata è il finale, da un lato il Dottore è tornato indietro per salvare il giovane Davros, introducendogli il concetto di misericordia.

D’altra parte, gli ha mostrato il concetto di “salvare il mio amico nell’unico modo che posso” ovvero STERMINARE. E’ stato un colpo al cuore, ecco perché i Dalek sono un po’ confusi sui sentimenti.

Voti:
The Magician Apprentice 7
The Witch’s Familiar 9

Sono molto fiduciosa in questa stagione e non vedo l’ora di vedere MAISE WILLIAMS all’opera.

Video della settimana:

Vi aspetto settimana prossima con un altro episodio di Doctor Who.

exterminatamente vostra,

Maira

Se volete aggiungermi su facebook potete QUI

 

One thought on “Maira in the TARDIS: Recensione Doctor Who 9×01-02

  • 14/06/2016 at 10:15 AM
    Permalink

    Amazing Site, Preserve the useful work. Regards!.

Comments are closed.