Crea sito

Gilmore Girls:il revival di Netflix pieno di dubbi ed emozioni

Tutti sanno che i revival non sono mai una buona cosa. Tutti si aspettano qualcosa, tutti vedono altro. Tra le tante serie tv, possiamo dire che quello delle Gilmore Girls era, senza dubbio, uno di quelli più attesi.

C’è chi ha vissuto la sua adolescenza con questo telefilm, perché così si chiamava una volta, e chi non vedeva l’ora di riviverla. Quattro episodi, quattro stagioni, un anno. Che cosa succede nell’anno di Lorelai e Rory Gilmore? Tutto e niente. Così si può riassumere. Perché sì, succede tutto quello che uno si aspettava o desiderava, ma allo stesso tempo lascia un grande niente, alla fine. O, meglio dire, dell’amaro mischiato a sensazioni.

gilrmore-girls-740x340-jpg-pagespeed-ce-ccxspl4wmr

La nostalgia c’è, e si sente tutta. Stars Hollow è perfetta, i personaggi sono tutti lì. Ci sta Paris che è una mina vagante, c’è Lane che è la Lane di sempre, ma adulta. C’è Michel, che non è cambiato per niente. Si vedono un Taylor e un Kirk che non ti deludono mai. E poi, sì, ci sono le Gilmore Girls, due donne adulte ormai, che sembrano quasi che si siano invertite i ruoli. Rory ha 32 anni, ma sembra non essere cresciuta mai, mentre Lorelai, come spesso accedeva, sembra la ragazzina del momento.

Ma facciamo un passo alla volta.

WINTER: primo episodio, prima ora e mezza. Già bisogna fare i conti con la nuova grafica, con una sigla che non c’è, con un’alta qualità cui non si è abituati, ma sembra quasi tutto lì messo nel giusto posto. L’inizio con le frasi più importanti delle stagioni passate, la voce di nonno Gilmore che manca, e sempre mancherà, Lorelai e Luke, l’odore di neve. Ma già mancano alcune cose. Rory sembra essere perfetta, o quasi, ma finalmente esce fuori una ragazza che non è più la perfettina che è sempre stata. Si può quasi dire che si vede una Rory umana. Un ragazzo con il quale sta, ma con cui le cose non vanno, e un passato che torna a essere sempre più presente. Ovviamente, Logan.

Gilmore Girls

SPRING: Stagione dei fiori, stagione di colori, ma già da qui qualcosa inizia a barcollare e tutto sfuma. Si vede quanto Rory sia sempre più normale, quanto abbia da combattere per avere qualcosa. Non sempre essere una Gilmore Girls aiuta. Logan è presente e onnipresente. Lorelai ed Emily iniziano una terapia di coppia che le porta a confrontarsi sul loro rapporto, finalmente, e tutto in città sembra non essere mai cambiato. Ma un grande “boh” è la conclusione.

gilmore-girls-season-jpg

SUMMER:  solo una parola: JESS. Era ora che tornasse. In tanti aspettavano questo momento. Se ne potrebbero dire mille di cose, ma quei pochi minuti sono stati senza dubbio i più sensati di tutto l’episodio. Forse il più deludente, con una scena e un musical lungo abbastanza da farci annoiare e sbadigliare. Rory prende in mano la situazione a Stars Hollow con il giornale della città, quasi che si avvicina alla sua carriera tanto desiderata e, in fondo, mai realizzata. Ma, come sempre, nel momento del bisogno, Jess ha le parole giuste per farle trovare l’energia che non aveva più. Il resto? Emily è la sola Gilmore che continua a farsi valere, che affronta un presente di solitudine circondata da persone che, in fondo, non la fanno mai sentire da sola. Lorelai dà fuori di testa, forse troppo, e decide di partire e fare la “in to the wild” della situazione. E Luke? Come sempre non ha voce in capitolo. Possiamo dire che qui arriva una forte delusione.

bal-gilmore-girls-a-year-in-the-life-recap-summer-20161126

FALL: ecco, qui cambia tutto. Se le lacrime non vi avevano ancora raggiunto, qui, lo faranno. Un’ora e mezzo di emozioni. Un susseguirsi di sentimenti odio/amore. A partire da Finn, Collin e Logan. Sfido chiunque a non dire che il ritorno de “I ragazzi della brigata della vita e della morte” non è stato quasi perfetto. Quel mantello blu indossato da Rory non vi ha fatto tornare in mente il suo vestito in una delle puntate più belle di tutta la serie? Quasi, perché, Logan non ha il finale che in tanti volevano. Ma anche qui le cose non tornano, perché volere è potere e, evidentemente, la volontà manca. Anche se va detto che, dopo tutto quello che hanno passato, lui ha dimostrato comunque di esserci sempre, nonostante un matrimonio rifiutato e una chiave che è stato come un “non posso, parte 2”.

C’è il ritorno di Sookie, anche se per pochi minuti, ma vederla di nuovo sugli schermi ha reso tutto ancora più nostalgico. Si rivede Christopher, che non sembra affatto lui e, nel finale, pochi minuti anche per Dean. Di sicuro Emily Gilmore merita il primo posto per il modo di ribellarsi e di prendere in mano la sua vita, dopo la morte del marito. Lei sì che ha capito come si fa. Lorelai ha il suo finale perfetto come tutti desideravano e volevano. Jess sarà sempre innamorato di Rory, o così sembra. Ma Rory, invece, che ha? Questa domanda assillerà tutti quanti. Perché quello che rimane a lei non è il finale perfetto che ci aspettavamo. Le famose quattro parole dell’ultima battuta hanno lasciato un vuoto ancora più grande di quello di nove anni fa.

gilmore-girls-season-8

Tanti, troppi parallelismi, che però non quadrano, a volte sembrano forzati e, soprattutto, non danno spazio alla libera immaginazione degli spettatori, perché non è questo che ci si aspettava.

Nonostante tutto, però, tornare a Stars Hollow e sentirsi a casa, di nuovo, è stato un tuffo nel passato. E, alla fine, a chiudere tutto, è arrivata la sigla, mentre noi guardavamo il nostro riflesso sugli schermi neri dei nostri computer e delle nostre televisioni, con un grande punto interrogativo sul nostro volto.

7 thoughts on “Gilmore Girls:il revival di Netflix pieno di dubbi ed emozioni

  • 20/12/2016 at 4:10 PM
    Permalink

    Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as
    though you relied on the video to make your point.
    You definitely know what youre talking about, why throw away your
    intelligence on just posting videos to your weblog when you
    could be giving us something informative to read?

  • 25/12/2016 at 12:20 PM
    Permalink

    Today, I went to the beachfront with my kids. I found a sea shell and gave
    it to my 4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.”
    She put the shell to her ear and screamed. There was a hermit crab inside and it pinched her ear.
    She never wants to go back! LoL I know this is completely off topic but I had
    to tell someone!

  • 11/01/2017 at 12:56 PM
    Permalink

    Wow that was strange. I just wrote an very long comment
    but after I clicked submit my comment didn’t appear.
    Grrrr… well I’m not writing all that over again. Anyway, just wanted to say wonderful blog!

  • 13/01/2017 at 2:39 PM
    Permalink

    What a information of un-ambiguity and preserveness of valuable knowledge on the topic of unpredicted feelings.

  • 15/01/2017 at 5:31 PM
    Permalink

    I really like reading through a post that will
    make people think. Also, thank you for allowing for me to comment!

  • 17/01/2017 at 8:59 PM
    Permalink

    What’s up to every one, the contents existing at this site are genuinely amazing for people experience, well,
    keep up the good work fellows.

Comments are closed.